LA FEBBRE

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Regola porzioni:
GRAMMI 30 BORRANA O BORRAGINE PER LITRO D'ACQUA
GRAMMI 40 CARDO BENEDETTO PER LITRO D'ACQUA
GRAMMI 50 REGINA DEI PRATI PER LITRO D'ACQUA

Aggiungi questa ricetta ai segnalibri

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

LA FEBBRE

With homemade dressing

RIMEDI NATURALI CONTRO LA FEBBRE

Ingredienti

Indicazioni

Condividi

La febbre è un sintomo, una reazione dell’organismo ad un processo patologico in corso di sviluppo, che si traduce in rialzo di temperatura e, generalmente, in un attacco allo stato generale di salute.

L’accelerazione del polso è proporzionale all’importanza della febbre. Le cause possono essere multiple, e in genere rilevano una intossicazione o una infiammazione.

Noi suggeriamo qui un rimedio puramente sintomatico senza pregiudizio della causa che è di pertinenza del medico curante.

Esistono piante molto attive per far cadere la temperatura. Non dimentichiamo che i nostri avi, che vivevano nelle campagne, sapevano combattere le febbri perniciose con le piante.
É importante mettere in evidenza, a proposito delle piante, che esse favoriscono una guarigione naturale senza affaticare inutiLmente l’organismo, come invece accade con i medicinali chimici (ricordiamo che l’aspirina non è priva di pericoli per lo stomaco e che può anche provocare ulcere).
Tra le decine di piante che si protRebbero citare per la loro azione antipiretica ne aabbiamo selizionato tre piante particolarmente attive e facile a trovarsi.

Passaggi

1
Fatto

BORRANA O BORRAGINE

Usata in decotto: 30 grammi di pianta essiccata per un litro di acuqa.
Scaldare dolcemente fino a ebollizione. Lasciare bollire 2 o 3 minuti quindi mantenere in infusione per 15 minuti.
Bere 4 o 5 tazze al giorno.

2
Fatto

CARDO BENEDETTO

Si usano le foglie e le sommità fiorite (cioè l'estremità dello stelo che porta i fiori) in decotto, in ragione di 40 grammi per litro di acqua bollente.
Far bollire 5 minuti e lasciare in infusione 15 minuti.
Si consigliano 3 tazze al giorno.
Un inconveniente: potrebbe dare senso di nausea.

3
Fatto
10 min

REGINA DEI PRATI OLMARIA

Si usano i fiori in infusione: 50 grammi per un litro di acqua quasi bollente. É importante che l'acqua non abbia raggiunto il punto di ebollizione (deve essere sotto i 90 gradi) perchè il calore distruggerebbe i principi attivi della pianta.
Lasciare in infuso, avendo cura di coprire, per 10 minuti e bere 3 o 4 tazze al giorno tra i pasti.
Il principio attivo di questa pianta è l'acido salicilico da cui, già nel secolo scorso, fu tratta, per sintesi, la famosa aspirina che, ancora ai nostri giorni, è il medicamento più universalmente usato. Ora, se l'aspirina può provocare intolleranza gastriche a volte gravi, o allergie, ciò no accade con la Regina dei Prati che è assulutamente inoffensiva.

admin

Recensioni di ricette

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa un modulo qui sotto per scrivere la tua recensione
previous
Squash soup with Parmesan croutons
next
TOSSE NERVOSA
previous
Squash soup with Parmesan croutons
next
TOSSE NERVOSA

Aggiungi il tuo commento

Site is using a trial version of the theme. Please enter your purchase code in theme settings to activate it or purchase this wordpress theme here